Torna indietro

Piattaforma di marketing automation in cloud

Sfida

Il Cliente, azienda operante nella grande distribuzione, ha espresso la necessità di migrare il proprio database di marketing in Cloud, su piattaforma Google, per velocizzare il processo di definizione e generazione delle campagne di marketing, attività che viene effettuata sempre più spesso, attualmente quasi giornalmente.

L’esigenza di ridurre le tempistiche si è scontrata però con quella di aggiornamento dei dati nel data warehouse on-premise le cui performance, anche a causa della sempre maggiore quantità di dati da gestire, subivano un continuo degrado.

Soluzione

D’accordo con il Cliente, per il database di marketing è stato scelto Google Big Query,  un servizio di data warehouse serverless, scalabile e pay-per-use, senza costi di impianto, manutenzione e interruzioni del servizio.

Non si è trattato di una semplice migrazione in quanto i modelli predittivi alla base del processo di individuazione dei soggetti destinatari delle campagne di marketing erano stati definiti in un ambiente proprietario, con un elevato grado di personalizzazione e richiedevano molto tempo per la loro esecuzione. E’ stato perciò necessario riscriverli con linguaggi standard (SQL e python) ed ottimizzarli: grazie a questo intervento le tempistiche di caricamento, trasformazione ed elaborazione sono state notevolmente ridotte (da ore a pochi minuti). Il tutto è stato effettuato tenendo sempre sotto controllo costi e protezione dei dati sensibili.

Considerata la presenza di dati sensibili, è stata posta notevole attenzione alla loro anonimizzazione ed alla definizione puntuale di profili di accesso differenziati.

Risultati

Le informazioni contenute in questo documento sono di proprietà.
Copyright © 2014 Qintesi S.p.A. Tutti i diritti riservati.

Ricevi la nostra newsletter

Compila il form qui di seguito con i tuoi dati per rimanere sempre aggiornato sulle novità e gli eventi di Qintesi.

Il PNRR, occasione da non perdere per la trasformazione digitale

Approfondisci i 4 “pilastri” tecnologici che possono accelerare l’innovazione in azienda